La formazione è la nostra bussola

Formazione continuativa per i professionisti del soccorso

Ancora una volta i nostri volontari hanno fatto un grandissimo passo avanti nella loro preparazione! Nei giorni scorsi, infatti, si è concluso un importantissimo corso ed aggiornamento inerente la cartografia e GPS, strumenti fondamentali per potersi muovere in ambienti non abitati, boschivi o selvaggi. Insomma, luoghi in cui è fondamentale comprendere al meglio la propria posizione per riuscire a raggiungere un eventuale soggetto da soccorrere o luogo.

Ancora una volta, abbiamo consegnato ai nostri volontari competenze e conoscenze tali da divenire dei veri e propri punti di riferimento nelle situazioni che richiedono l’intervento di un professionista del soccorso

Dove e quando

Prima parte del corso cartografia e GPS terminata per la squadra di emergenza della PVC di Ghedi. I Volontari hanno ricevuto nozioni riguardo l’individuazione della posizione corrente, avvalendosi di strumenti quali gps e bussola e imparando anche a riconoscere sempre dove sono localizzati.

Un ringraziamento particolare al grande Fabio Giacomelli della GAUCS che, con le sue competenze, sta trasmettendo il giusto approccio al soccorso e alla situazione.

ALCUNE IMMAGINI DELLA GIORNATA

 L’Istruttore – Fabio Giacomelli

Cinofilo dal 1999, quasi 20 anni di esperienza come istruttore di cani da soccorso.

Impegnato nel coordinamento di squadre di volontari in maxi emergenze, grandi manifestazioni ed esercitazioni, in sale operative, COC e CCS.

Specializzato in cartografia ed uso dei GPS applicati alla ricerca e soccorso.

Consulente esterno per associazioni a livello nazionale.

Seduto ad un tavolo rotondo per le prospettive future 2020 del sistema satellitare Galileo.

Dal 2011 titolale di un brevetto per la verifica dell’affidabilità delle unità cinofile da soccorso:
www.gaucs.com

In una ricerca persone si presenta spesso il problema di chi far intervenire, senza poter conoscere realmente le capacità di ogni Unità Cinofila o di un’Associazione. Nel territorio Nazionale, Associazioni diverse tra loro, locali o a statuto nazionale, Coordinamenti regionali utilizzano metodi di valutazione diversi. I giudizi dati durante esami e brevetti, involontariamente soggettivi e a volte influenzati dalle condizioni psicofisiche del momento, sia per quanto riguarda i giudici sia relativamente alle unità cinofile esaminate, possono essere integrati con l’ausilio delle tecnologie satellitari. Non più quindi un giudizio solamente soggettivo ma anche un giudizio oggettivo; un approccio nuovo che consente di ottimizzare e certificare il lavoro delle unità cinofile da soccorso.
Uno strumento che permette di: monitorare le attività periodiche delle unità cinofile; migliorare le prestazioni delle unità cinofile; mirare gli addestramenti da parte degli istruttori; aggiungere alla certificazione un metodo tecnico-scientifico documentabile. Con questo progetto si vuole dare uno strumento aggiuntivo che permetta alle unità cinofile di ottimizzare non solo le attività ma anche le prestazioni e l’affidabilità, in un continuo confronto con se stessi e con gli altri, per puntare sempre di più alla massima performance di ricerca.
Il metodo usato da GAUCS è brevettato. Tutti i diritti di proprietà intellettuale si ritengono riservati.

Dal 2016 ideatore di una piattaforma di raccolta di una lista dei campi macerie o simulatori di catastrofe da prima solo per l’Italia, ora aperto a tutti i campi Europei, fruibile gratuitamente da chi interessato.

www.rubblecamp.world

Un raccoglitore pubblico e gratuito che mette a disposizione (a chi si vuole formare e crescere) una lista sempre in aggiornamento ed in continua crescita, per uno scambio di esperienze sempre positivo.

Da 2 anni co-fondatore di un portale di e-learning dedicato alla formazione di team di ricerca e soccorso:
www.e-sar.eu

La popolazione e le Organizzazioni di soccorso in questo periodo sono soggette a notevoli tensioni derivate dalla continua esposizione a situazioni di rischio.

Negli ultimi anni sono sempre più frequenti terremoti, catastrofi, cambiamenti climatici e situazioni sociali che generano richieste di intervento in ambito USAR (Urban Search and Rescue) e GSAR (Ground Search and Rescue).

La capacità di risposta dei Sistemi e delle singole squadre di soccorso dipende dalla preparazione del personale specializzato.
Le calamità suggeriscono la necessità di potenziamento di risorse interne e della risposta al soccorso secondo metodologie formative sempre più professionali.
Le analisi statistiche sottolineano in modo ancor più chiaro la frequenza ed il numero elevato di emergenze di ricerca persona in ambienti urbani, extra-urbani, boschi e zone impervie.

Il progetto “e-sar” nasce e si contestualizza nel concetto di riduzione del rischio di catastrofi ed emergenze attraverso la formazione teorica per i soccorritori.
La preparazione professionale di Strutture ed operatori diventa un passo fondamentale per fornire al cittadino una adeguata risposta di soccorso.

Il Progetto crea, in seconda fase, la possibilità di mettere in pratica le nozioni di base, intermedie ed avanzate tramite corsi pratici di preparazione con il corpo docente delle strutture che hanno generato il progetto.

Il progetto “e-sar” nasce come sviluppo di net-working tra figure professionali con comprovata esperienza nel settore ed è volto a strategie di acquisizione di ulteriori competenze per il suo sviluppo formativo.
L’obiettivo principale è quello di formare a livello teorico operatori di soccorso attraverso lezioni e fornire servizi pratici utili alle successive fasi di crescita.

Supporta la nostra attività

Aiutaci a sostenere le nostre iniziative

Diventa volontario e fai la differenza

Clicca sul pulsante sottostwnte, completa il form e richiedi di far parte della nostra squadra

Altri articoli

Formazione Continua a qualsiasi ora

CHE SIA GIORNO O NOTTE LA FORMAZIONE NON SI FERMA  Uno dei fattori che ha sempre contraddistinto la P.V.C. Ghedi è rappresentato dalla passione...

IL SEGRETO E’ FARE SQUADRA

LA SQUADRA   Il 31 Ottobre si è tenuta un'esercitazione congiunta di circa 20 volontari del gruppo protezione civile comunale Capriano-Azzano e...